I 5 comandi più pericolosi e potenzialmente irreversibili di Linux!

Internet, come alcuni di voi si saranno accorti, è “abitato” da ogni sorta di imbroglioni e o subdoli individui comunemente etichettati come troll. Tutti noi abbiamo visto il post ( e alcuni ci hanno creduto ) in cui si suggeriva di risolvere qualsiasi sorta di problema al computer eliminando system32.

Ecco anche su Linux esistono comandi che se usati senza cognizione di causa possono essere dannosi per il nostro sistemi e i files contenuti.

Andiamo a vedere quali sono :

 

rm -Rf /

Iniziamo subito con il più dannoso, questo comando è senza dubbio il “suicidio di sistema” più conosciuto negli ambienti Linux. Tuttavia alcune distribuzioni hanno adottato svariati sistemi di avvisi sul comando rm per prevenirne l’esecuzione non voluta.

 

shred  /dev/sda

Shred è un comando particolarmente pericoloso, a differenza di rm che nel caso in cui  abbia una certa conoscenza nel recupero dei dati si può tentare il recupero del volume, Shred fa proprio come suggerisce il nome, utilizza le cartelle di sistema /dev/random o /dev/urandom per generare informazioni casuali. Queste informazioni vengono quindi utilizzate per sovrascrivere l’unità in più passaggi rendendo i dati irrecuperabili. Anche se si riuscisse ad interrompere il processo prima che maneggi tutti i dati, si dovrà comunque ricostruire la tabella delle partizioni e riparare i filesystem che potrebbero essere stati toccati. Shred è certamente un comando pericoloso se non usato con attenzione.

 

dd if=/dev/random of=/dev/sda

dd è uno strumento incredibilmente utile. Può essere usato per creare cloni di volumi, filesystem, scrivere immagini su dischi e persino cancellare unità. Il comando dd qua sopra compie qualcosa che è all’incirca lo stesso di Shred, con le uniche differenze che Shred è molto più veloce e fa più passaggi per impostazione predefinita.

 

mkfs.ext4 /dev/sda1

Come disse Picasso, “ogni atto della creazione è prima un atto di distruzione”, e lo stesso vale per mkfs. Il difetto qui non riguarda particolarmente ext4, solo che per creare un nuovo file system devi eliminare tutti i dati esistenti sul volume. Questo ovviamente non è un problema su un nuovo disco lucido, ma può portare un sistema in esecuzione in ginocchio se viene usato senza discrezione.

 

mv / /dev/null

Questo è simile al nostro primo comando visto. Qualsiasi cosa scritta su /dev/null è eliminata!. Ciò significa che questo comando è effettivamente uguale al primo, anche se potrebbe richiedere più tempo.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>